Pubblico da record, come previsto, per la serata di venerdì 7 caratterizzata dalla presenza della Treves Blues Band: più di 450 persone si sono gustate le due ore e mezza di concerto terminato con un bis fantasmagorico con citazioni di Santana, Hendrix ed Allman Brothers dove tutta la band ed Alex Gariazzo in particolare hanno infuocato la piazza.
Apprezzata anche l’apertura in solo di BB Chris and his one man band.
Mettere insieme 4 chitarristi per la prima ed unica volta potrebbe essere un’impresa rischiosa: questa volta il rischio ha pagato e Sabato 8 altro concerto entusiasmante: Eliana Cargnelutti, Dany Franchi, Heggy Vezzano e Gennaro Porcelli si sono alternati, appaiati, mischiati ed infine associati sul palco per un finale full band proponendo al meglio lo spirito originario delle jam di Blues: improvvisazione e creatività condivisa ad altissimo livello. Pubblico in delirio.
Domenica 9 chiesa di S. Antonio Abate stracolma per Kent Duchaine e la sua fida National Steel “Leadbessie”, che ha accompagnato in un viaggio tra Mississippi e New Orleans sulle tracce dei grandi personaggi che ha in parte conosciuto e in parte accompagnato nella sua lunga carriera di bluesman.