Sabato 7 luglio, ore 21
Piazza Cavalieri di Vittorio Veneto – Ameno

eric-gales-3

Ex ragazzo prodigio del rock-blues negli anni 80, Eric Gales, classe 1974, originario di Memphis (Tennessee), è uno dei migliori rappresentanti di quel blues elettrico tanto potente e ruvido quanto coinvolgente degli ultimi anni. Le sue straordinarie abilità con la chitarra e le doti di vocalist profondo e fascinoso lo contraddistinguono, insieme alla forza e all’energia del suo sound, un impetuoso rock blues.

A quattro anni ha imbracciato la sua prima chitarra, grazie alla passione per la musica dei fratelli maggiori. La curiosità e, se si può considerare tale, la particolare tecnica, è che Gales suona una chitarra da destro “capovolta”, avendo imparato dal fratello mancino (suonare “al contrario”, cioè girare la chitarra destrimane di 180 gradi con la sesta corda in basso è stata prerogativa di chitarristi storici come Albert King, Bobby Womack, Otis Rush e lo stesso Jimi Hendrix che, mancini o no, in questo modo riescono a produrre dei suoni esclusivi). Essendo quindi afroamericano e possedendo questa pecularità, Gales è stato più volte affiancato alla leggenda di Hendrix, ma il suo stile attinge anche dalla scuola di B.B. King ed Eric Johnson.

Una miscela esplosiva di blues, soul, funk e rock con tonnellate di groove, una chitarra trascinante ed una voce espressiva, tra reminiscenze hendrixiane e segni di modernità.
Fin da giovanissimo è stato presente sui palchi di numerosi festival blues e ha sempre continuato le sue performance dal vivo ottenendo apprezzamenti dai migliori chitarristi al mondo: nel 1994 Gales si è esibito con Carlos Santana (“Un musicista assolutamente incredibile”) e nel 2008 ha partecipato al tributo itinerante con la Experience Hendrix assieme a musicisti del calibro di Billy Cox , Eric Johnson, Chris Layton, Doyle Bramhall II, Brad Whitford e Mitch Mitchell.

Il primo album, The Eric Gales Band, a soli 16 anni, quando la rivista Guitar World lo ha nominato il “miglior nuovo talento”. Da qui un’impressionante produzione discografica e numerose collaborazioni. Nel primo decennio del 2000 Gales sembra soffrire l’influenza della critica e dell’etichetta che gli è stata attribuita in quanto erede di Hendrix, di conseguenza i virtuosismi chitarristici cedono alla creatività. La ripresa di un vigore e uno stile più personale e la scissione dall’ombra hendrixiana, arriva negli ultimi anni: da Good for Sumthin’ nel 2013, caratterizzato da un suono vintage, senza troppi fronzoli, assenza di effetti distorti e con basso e batteria molto asciutti, passando per A Night On The Sunset Strip raccolta di audio e video realizzati nell’estate del 2016, fino all’ultimo, personalissimo album, Middle of the Road dello scorso anno, caratterizzato da pezzi grintosi e ritmati, ma allo stesso tempo raffinati e morbidi, in cui brilla la personalità prorompente del chitarrista americano che si intreccia con i tratti degli ospiti presenti nel disco (Gary Clark Jr, Lauryn Hill, il fratello Eugene, il giovanissimo Christone ‘Kingfish’ Ingram).

Eric nutre la sua anima con il blues più sanguigno, padroneggiando una tecnica straordinaria. Chitarrista dal tocco caldo e deciso, in grado di dare voce a un gran dinamismo di suoni, dal vivo dispensa carica ed energia, regalando al pubblico uno spettacolo entusiasmante.

Dalle 15.30 alle 17.00 Eric Gales terrà una masterclass!
Per info e iscrizioni: INCREDIBILE OPPORTUNITÀ: MASTERCLASS con ERIC GALES!